15/10/2019 8.27.08
Torna alla homepagecerca nel sitomappa del sito  
Progetto SIGI
Cosa è il SIGI
Obiettivi
Finanziamenti e tempi
Attuazione
  Aree di intervento
  Soggetti e ruoli
  Attività operative
    Attività trasversali
    Attività comunali
Banche Dati
  Banche Dati Trasversali
  Banche Dati Comunali
Soggetti attivati
Atti e riferimenti normativi (1° fase)
  Accordo di Programma Regionale
    Gli obiettivi
    Le decisioni operative
    Gli impegni
    Gli strumenti
  L.R. 5/95 Norme per il governo del territorio
Atti e riferimenti normativi (2° fase)
Documentazione Tecnica


La legislazione: L.R. n°5 del 16/01/95
"Norme per il governo del territorio"

TITOLO I
Articolo 4 - Sistema Informativo Territoriale


1) La Regione, le Provincie e i Comuni singoli o associati partecipano alla formazione e gestione del sistema informativo territoriale (S.I.T.)
I Comuni devono partecipare alla formazione ed alla gestione del S.I.T.. Non sono tenuti obbligatoriamente ad associarsi, ma la L.R. indica anche la forma associativa.

2) Il S.I.T. costituisce riferimento conoscitivo fondamentale per la definizione degli atti di governo del territorio e per la verifica dei loro effetti.
Il comma 2 definisce l'indispensabilità del S.I.T. e presuppone che esso sia un sistema integrato, ossia che esista un riferimento conoscitivo comune: a livello comunale, nella logica della L.R. sarà necessario disporre del quadro conoscitivo regionale e provinciale per definire atti di governo che siano in armonia con quanto indicato nel PTCP e nel PIT; a livello provinciale e regionale è importante poter verificare gli effetti di tali atti.

3) Sono compiti del S.I.T.:

  1. l'organizzazione della conoscenza necessaria al governo del territorio, articolata nelle fasi della individuazione e raccolta dei dati riferiti alle risorse essenziali del territorio, della loro integrazione con i dati statistici, della georeferenziazione, della certificazione e finalizzazione, della diffusione, conservazione e aggiornamento;
    Il comma 3 definisce i compiti un S.I.T. integrato elencandone le fasi classiche dello sviluppo e della gestione. La complessità di alcune di queste fasi fanno della costituzione del S.I.T. innanzitutto un problema tecnologico ed impongono di affrontarlo come tale
    .
  2. la definizione in modo univoco per tutti i livelli operativi della documentazione informativa a sostegno dell'elaborazione programmatica e progettuale dei diversi soggetti e nei diversi settori;
    I dati geografici hanno caratteristiche peculiari che richiedono l'utilizzo di sistemi di documentazione sofisticati. Il Sistema di Documentazione dei dati territoriali progettato e realizzato da Etruria Telematica per il S.I.G.I., da una risposta concreta ed immediata a queste esigenze ed è in linea con il futuro poiché adotta lo standard europeo (CEN_TC/287-norma prENV12657 "Geographic information-Data_description-Metadata") che definisce quali informazioni vanno usate per documentare un Archivio Geografico.
  3. la registrazione degli effetti indotti dall'applicazione delle normative e delle azioni di trasformazione del territorio.
    Il S.I.T. è un importante ed insostituibile strumento per la gestione ed il monitoraggio del Piano di Indirizzo Territoriale, del Piano Territoriale di Coordinamento Provinciale e dei Piani Strutturali e PRG Comunali. Il progetto di S.I.G.I. prevede comunque che divenga anche un eccezionale strumento per agevolare lo svolgimento dei quotidiani compiti istituzionali degli Enti che aderiscono.

4) Il S.I.T. è accessibile a tutti i cittadini e vi possono confluire, previa certificazione nei modi previsti, informazioni provenienti da enti pubblici e dalla comunità scientifica.
Il S.I.T. integrato deve quindi prevedere meccanismi di collaudo e far ricorso al supporto delle nuove tecnologie della telecomunicazione per rendere trasparente e di pubblico dominio la documentazione del quadro conoscitivo.
Etruria Telematica ha progettato e realizzato un server di informazioni geografiche (GEOSERVER) raggiungibile via Web all'indirizzo: http://geoserver.consorzioterrecablate.it


5) Alla costituzione e alla disciplina del S.I.T. si provvede, anche con atti successivi, entro un anno, d'intesa con le Provincie e i Comuni, nel quadro degli adempimenti previsti dallo Statuto regionale per garantire la disponibilità dei dati informativi.
Il S.I.G.I. è in linea con le indicazioni che la Regione Toscana ha dato del proprio S.I.T. Regionale e si inquadra nell'Accordo di Programma che essa ha recentemente presentato agli Enti Pubblici Toscani. La Regione ha già verificato la compatibilità degli intenti del S.I.G.I. con l'Accordo di Programma, riconoscendolo come progetto di zona.

TITOLO II
CAPO III - I compiti dei Comuni

Articolo 32 - Valutazione degli effetti ambientali

1) Gli atti di pianificazione territoriale del Comune, di cui al presente capo, contengono, anche sulla base del quadro conoscitivo del P.T.C., di cui all'Art. 16, quarto comma, la valutazione degli effetti ambientali attraverso:

  1. la individuazione delle aree e dei beni di rilevanza ambientale;
  2. l'analisi dello stato delle risorse soggette a modificazione;
  3. l'indicazione delle finalità degli interventi previsti e dei motivi delle scelte rispetto ad altre alternative;
  4. la descrizione delle azioni previste e dei loro prevedibili impatti sull'ambiente;
  5. la individuazione dei livelli di criticità delle aree e delle risorse interessate;
  6. …omissis…

2) Le analisi di cui al primo comma, lett. a), b), c), d), e) si avvalgono del sistema informativo di cui all'Art. 4 e lo implementano. … omissis…

TITOLO I
Articolo 3 - Strutture tecniche per il governo del territorio

3) Le Provincie assicurano comunque, se richiesta, la necessaria assistenza tecnica ai Comuni del rispettivo territorio.

4) La Regione promuove ed agevola le forme di assistenza tecnica di cui al terzo comma.

L'Amministrazione Provinciale, avendo sostenuto investimenti di rilievo ed avendo una fortunata e significativa esperienza nel settore dei S.I.T., ha pensato, in ottemperanza alla legge regionale, di riversare la propria esperienza sui Comuni (comma 3), agevolando lo sviluppo del S.I.G.I. tramite un finanziamento per l'acquisto di tecnologia e servizi, mettendo a disposizione il proprio patrimonio di dati geografici e, tramite la Società partecipata Etruria Telematica, l'esperienza della struttura tecnica che ha progettato e realizzato il S.I.T. provinciale.
La Regione considera il S.I.G.I. "progetto di zona" prospettando per gli anni successivi un intervento integrativo (comma 4).

segue